Visualizzazioni totali

venerdì 28 febbraio 2014

CANON CANONET 28 (1971)

La CANON CANONET del 1961 costituì il primo passo di Canon dal campo della fotografia strettamente professionale a prodotti dedicati anche all'amatore evoluto.
 
E la Canonet fu un prodotto di assoluta avanguardia. In un epoca in cui per lo più si producevano ancora macchine senza esposimetro, senza telemetro e con ottiche semplificate, per la prima volta fu stravolto ogni schema tecnico. Al di là della tecnica, anche la linea era qualcosa di assolutamente rivoluzionario e avanti di almeno un decennio rispetto alla concorrenza. 
 
 
Dieci anni dopo, nel 1971, il mercato delle compatte a telemetro era ormai diventato appannaggio dei costruttori giapponesi e la CANONET 28 del presente annuncio costituisce l'ultimo passo evolutivo di un modello che già ai suoi tempi avava fatto epoca!
 
Come da tradizione, ancora una volta si tratta di una fotocamera che offre la duplice possibilità di una gestione completamente automatica programmata o semi-automatica a priorità di diaframmi, gestita attraverso la lettura fornita dall'esposimetro con cellula CDS posta intorno ai bordi dell'obiettivo. Il telemetro consente una messa a fuoco sempre accurata.  
 
 
La dotazione tecnica, dopo oltre 40 anni è ancora di tutto rispetto e include:
- Obiettivo CANON con focale di 40mm
- Diaframma con aperture variabili tra un massimo di f/2.8 e un minimo di f/16
- Otturatore centrale lamellare di tipo COPAL a controllo elettronico programmato con tempi di scatto  da 1/30 sec. a 1/600 sec.
- Inquadratura mediante mirino di tipo galileiano, con indicazione del tempo di scatto
- Messa a fuoco accurata mediante telemetro
- Esposimetro di concezione moderna di tipo CDS con sensibilità da 25-400 ISO
- Attacco a vite per filtri diametro 46mm
- Slitta per flash esterno dotata di contatto caldo
- Possibilità di comando a distanza dell'otturatore mediante cavetto flessibile
 
Per il resto, questa fotocamera è quanto di più semplice vi sia da utilizzare: un gioco da ragazzi per chi non ha mai scattato una foto con una macchina meccanica ma anche uno strumento compatto e di qualità da tenere sempre con se per cogliere l'attimo!
 
L'esposimetro e l'elettronica sono alimentati da una comune batteria alkalina V625 e ciò basta a garantirne il corretto fiunzionamento e risultati sempre eccellenti.
Cos'altro aggiungere... la Canonet è ormai una icona della fotografia, tant'è che nel 1998 le è stato dedicato pure un film intitolato "Pecker" con Edward Furlong e Christina Ricci. Un film che ha per protagonista una Canonet ma che è un vero e proprio inno alla fotografia... ASSOLUTAMENTE DA VEDERE!
 

2 commenti:

  1. Ciao, ti volevo fare i complimenti per il blog prima di tutto. Mi voglio avvicinare in punta di piedi alla fotografia anlogica e questa canon mi sembra ideale. Detto questo,ti volevo chiedere come si settano le impostazioni prima di fare la foto, visto che non vedo nessun tipo di ghiera o simili per le impostazioni. Grazie mille

    RispondiElimina
  2. Ciao, ti volevo fare i complimenti per il blog prima di tutto. Mi voglio avvicinare in punta di piedi alla fotografia anlogica e questa canon mi sembra ideale. Detto questo,ti volevo chiedere come si settano le impostazioni prima di fare la foto, visto che non vedo nessun tipo di ghiera o simili per le impostazioni. Grazie mille

    RispondiElimina