Visualizzazioni totali

martedì 22 gennaio 2013

KING REGULA SPRINTY C 300 (1971)

Il marchio tedesco KING A.G. impropriamente conosciuto anche come REGULA, ha le sue origini a Bad Liebenzell nella regione della Foresta Nera. 
 
Il signor King e le sue maestranze erano specializzati da tempo nella produzione di meccanismi per orologi di precisione quando, sul finire degli anni '40, decisero di cimentarsi nella produzione di apparecchi fotografici.
  
Oltre a realizzare apparecchi di ottima fattura con componenti tedesche di qualità (le ottiche erano quasi sempre fornite da colossi come ISCO e Steinheil)  la King brevettò un peculiare trattamento delle parti in alluminio, denominato "Eloxal" che conferiva al corpo macchina una grande resistenza e una caratteristica colorazione delle parti cromate.
 
Prodotta a partire dal 1971, la REGULA SPRINTY C 300 aooartiene a una famiglia di fotocamere compatte prodotte a partire dai primi anni '60 e rimaste in vendita fino a metà degli anni '70.
 
 
Si tratta di un tipico esempio di fotocamera "alla tedesca" con controlli manuali e priva di fronzoli o sofisticazioni elettroniche che possano comprometterne l'affidabilità nel tempo. Dunque, a dispetto dei decenni che passano, c'è ben poco che possa rompersi o malfunzionare.
 
Queste le principali caratteristiche tecniche:
- Obiettivo con rinomata ottica ISCO "Color-Iscorit" con focale di 45mm
- Diaframma con aperture variabili tra un massimo di f/2.8 e un minimo di f/16
- Otturatore centrale lamellare "Rectamat" con tempi di scatto da 1/30sec. a 1/300 sec.
- Inquadratura con mirino galileiano
- Messa a fuoco su scala metrica mediante rotazione della ghiera dell’obiettivo
- Contatto di sincronizzazione e slitta per flash
- Possibilità di comando a distanza dell'otturatore mediante cavetto flessibile
 
Particolarmente semplice quanto ingegnoso è il sistema di accoppiate tempo-diaframma  selezionabili sul corpo dell'obiettivo e la presenza di simboli (nuvoloso, soleggiato, ecc) che consentono anche ai meno esperti di individuare le impostazioni ottimali di scatto. 
 
Oltre che sotto il piano della dotazione tecnica, questa fotocamera sembra avere molte affinità con le celebratissime sovietiche LOMO COSMIC, sue contemporanee.
Proprio come le LOMO, la REGULA SPRINTY C 300 fornisce colori particolarmente saturi e una tendenza alla vignettatura. 
Per poter utilizzare questa fotocamera non avrete bisogno di alcun manuale d'uso nè di conoscere i segreti della fotografia. Che voi siate un principiante o un professionista della fotografia non dovrete fare altro che inquadrare e scattare... dopo lo sviluppo vedrete i risultati!

Per maggiori info visitate:

venerdì 4 gennaio 2013

CHINON BELAMI AF (1989)

Per molti anni i maestri dello Street Photography hanno dovuto destreggiarsi con modelli di fotocamere completamente manuali, che necessitavano di messa a fuoco manuale e regolazione dei tempi di scatto da eseguire di volta in volta, a seconda delle circostanze.
 
Questi problemi sono stati risolti dalle compatte moderne dotate di autofocus e scatto programmato ma tuttavia, anche dopo l'avvento delle versatili e potenti ottiche zoom, c'è chi è rimasto fedele ai modelli con ottica grandangolare a focale fissa, capaci di generare meno distorsioni di prospettiva.
 
La CHINON BELAMI AF del 1989 è una diretta concorrente della geniale Olympus XA e una antesignana della Olympus Mju che hanno rivoluzionato le forme e lo stile delle 35mm compatte.
Si tratta in entrambi i casi di modelli caratterizzatida dimensioni ultra compatte e una forma moderna e funzionale.
 
Queste fotocamere di nuova generazione erano pensate specificamente per la "Street Photography" e, grazie all'ottica grandangolare con focale di 35mm e una meccanica silenziosissima, unita a una elettronica veloce e affidabile, erano in grado di garantire foto sempre eccellenti anche ad un neofita della fotografia.
 
La loro versatilità e compattezza valsero a queste fotocamere un successo planetario, con milioni di pezzi venduti in pochi anni, e un posto d'onore ancora oggi nella storia della fotografia.
 
La dotazione tecnica include:
- Obiettivo con lente Chinon composta di 3 elementi in 3 gruppi con focale di 35mm
- Diaframma con aperture da f/3.9 a f/16
- Messa a fuoco automatica (autofocus) da 1mt.
- Otturatore a controllo elettronico programmato, con tempi di scatto da 1/60sec. e 1/125sec.
- Inquadratura con mirino ottico galileiano
- Esposimetro CDS con sensibilità ISO da 100 a 1000
- Flash integrato con funzione di prevenzione dell'effetto "occhi rossi"
- Caricamento, avanzamento e riavvolgimento della pellicola motorizzato
 

In conclusione, una fotocamera semplice ed economica in grado di offrire una buona qualità fotografica ma soprattutto semplicissima da utilizzare, perfino per chi non ha nessuna esperienza in campo fotografico.
Non è richiesta nessuna impostazione e all'utente non resta che concentrarsi sull'inquadratura e scattare... il risultato sarà sempre di buona qualità.
 

Per ulteriori info e per verificare la qualità delle foto ottenibili, vi invito a visitare i seguenti link:
http://camerapedia.wikia.com/wiki/Chinon_Belami_AF
http://blogs.yahoo.co.jp/chinon_camera/folder/926524.html
http://homepage1.nifty.com/fukucame/chibela.htm
 
 
 

COSINA COMPACT 35E

Anche se ai meno esperti il nome COSINA non dice molto, si tratta di un vero e proprio colosso dell'industria fotografica che nel corso degli anni ha nomi storici della fotografia come Voigtlander, Argus, Petri, Topcon e Miranda. 
 
Oltre a produrre fotocamere, vendute col nome dei marchi acquisiti, Cosina ha realizzato anche fotocamere vendute con nome proprio, che godono di una solida reputazione tra gli appassionati di fotografia analogica e non hanno nulla da invidiare ai nomi più illustri come Canon, Pentax, Olympus, ecc.
 
Tuttora, COSINA è proprietaria del marchio tedesco Voigtlander, di cui produce la "Bessa L" una delle più raffinate e costose macchine a telemetro oggi in commercio. Anche Zeiss Ikon ha affidato la produzione della sua attuale telemetro a Cosina.
 
La COSINA COMPACT 35E è una fotocamera a telemetro costruita all'inizio degli anni '70 con l'intento dichiarato di fare concorrenza alle Konica C35 ed Olympus 35RC. 
 
A ben vedere, si tratta di un modello che ebbe una diffusione ancora maggiore delle  rivali sopra citate poichè all'epoca COSINA produceva fotocamere anche su commissione di altri marchi e sulla stessa base furono realizzate numerose varianti come la PRINZ 35-E, la REVUE ELECTRONIC-C, la PORST 135 S e perfino la VOIGTLANDER VF135.
 
Ritornando alla COSINA COMPACT 35E, si tratta di un piccolo gioiello con corpo interamente in metallo e con lo stile inconfondibile delle fotocamere giapponesi anni '70; dunque, dimensioni compatte e linee tese e ancora oggi moderne.
 
Sotto il piano tecnico, invece, si tratta di un telemetro 35mm di tipo automatico, ossia con otturatore e diaframma ad apertura comandata elettronicamente dall'esposimetro. In pratica, in base alle condizioni di luce, la fotocamera sceglie tempi e diaframmi ottimali per una foto correttamente esposta.
Completa il corredo, un'ottica leggermente grandangolare che offre un ampio angolo di campo e un ottima qualità d'immagine. 
 
Questi i principali dati tecnici:
 - Obiettivo con lente "Cosinon Automatic" e lunghezza focale di 38mm
- Diaframma con aperture variabili da f/2.7 a f/16
- Otturatore centrale lamellare "Copal" controllato elettronicamente e con tempi di scatto da 1/30sec. a 1/650 sec. più la posa B
- Telemetro per una messa a fuoco agevole ed accurata
- Esposimetro di concezione moderna di tipo CDS con sensibilità da 25-400 ISO
- Autoscatto
- Attacco per filtri diametro 46mm
- Possibilità di comando a distanza dell'otturatore mediante cavetto flessibile
 
Al di là della raffinatezza tecnica, questa fotocamera è quanto di più semplice vi sia da utilizzare. Inquadrare e mettere a fuoco lasciando che la fotocamera controlli tempi e diaframmi sarà un gioco da ragazzi per chi non ha mai scattato una foto con una fotocamera meccanica ma anche l'occasione per avvalersi di uno strumento compatto e di qualità da tenere sempre con se per cogliere l'attimo!