Visualizzazioni totali

martedì 20 novembre 2012

YASHICA FX-3 SUPER 2000 (1986)

Il marchio YASHICA non ha certo bisogno di presentazioni: insieme a Nikon e Canon è uno dei più antichi e prestigiosi nomi della fotografia del "Sol Levante".
 
Sebbene sia scomparso da diversi anni dal mercato, il nome Yashica conserva ancora inalterato tutto il suo prestigio e i suoi modelli storici sono coccolati dai puristi della fotografia e oggetto di desiderio dei collezionisti più raffinati.
 
Lanciata nel 1979 la "FX-3" è stata uno dei modelli più longevi ed apprezzati tra le reflex Yashica. La sua leggerezza e le dimensioni compatte, unite al fatto che si trattava di un modello completemente meccanico e a controllo manuale, ne hanno fatto per lungo tempo un modello ambito dai fotografi puristi e dai giovani studenti di fotografia. 
 
Un'altro aspetto molto apprezzato è l'impiego della mitica baionetta Contax/Yashica, che permette di equipaggiare su questo modello anche le mitiche ottiche Carl Zeiss T* sviluppate per le inarrivabili reflex CONTAX.
 
Nel 1986 la "FX-3" fu ulteriormente migliorata con la versione "Super 2000" in oggetto, caratterizzata da un grip che ne facilita l'impugnatura e l'aggiunta del tempo di scatto veloce di 1/2.000sec.
 
Ancora oggi, ad oltre 25 anni dal lancio, la FX-3 SUPER 2000 conserva una dotazione tecnica di tutto rispetto:
- Obiettivo "Yashica ML" con lunghezza focale di 50mm e apertura max a f/1.9
- Diaframma a iride con aperture da f/1.9 a f/16
- Otturatore meccanico con tendine metalliche a scorrimento verticale e con tempi di scatto da 1sec. a 1/2.000sec più la posa B
- Esposimetro Cds con lettura di tipo TTL e sensibilità ISO da 25-3.200
- Mirino con indicazione di esposizione a led
- Autoscatto
- Innesto obiettivi a baionetta tipo Yashica-Contax
 
Per la sua semplicità d'uso questa macchina è l'ideale per chi voglia avvicinarsi per la prima volta al mondo della fotografia reflex e voglia farlo con una macchina a pellicola e con ottiche di alta qualità.
 
L'utilizzo è così intuitivo che non occorre neppure disporre di un manuale d'uso e la sua compattezza e leggerezza la rendono oltremodo ideale anche per il pubblico femminile.

14 commenti:

  1. Io ne ho una a casa dei miei :) L'ho rispolverata un annetto fa,ma la uso pochissimo e non faccio quasi mai foto...non avevo idea che fosse un tale gioiellino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, prova ad usarla questa primavera per degli scatti naturalistici.
      Sono certo che otterrai foto bellissime.

      Elimina
  2. io ne ho comprata una oggi nuova di zecca, mai usata e prefettamente funzionante.. sono commossa!! ho già scattato il test roll!!! felicità!!!

    RispondiElimina
  3. E' stato un bel colpo di fortuna! Si tratta di una delle migliori reflex amatoriali mai prodotte.
    Complimenti anche per il tuo blog. Bellissimo.

    RispondiElimina
  4. ciao!!:) fino a qualche giorno fa credevo che la zenit 122 fosse la macchinetta perfetta per iniziare, ora leggo che pure questa macchinetta è un altro gioiellino! Ho le idee confuse, qual è dunque la macchinetta ideale? grazie mille per le vostre eventuali risposte!:)

    RispondiElimina
  5. Ciao, in questi periodo sono alla ricerca di questa reflex analogica... Ho già una Fuji STX-2 (di mio padre), ma dato che avevo iniziato a usare delle ottiche con baionetta Contax/Yashica sulla mia reflex digitale vorrei prendere questo corpo macchina per poterle sfruttare appieno con l'analogico, mentre per la STX-2 ho solo il 50mm...
    Quindi la ricerca continua... Intanto due rullini in BN (TMax 100 e TriX400) stanno attendendo nel cassetto...

    RispondiElimina
  6. Help. Mia moglie ne ha una, dotata di un paio di "vetri" non esattamente spettacolari. Pensando di far cosa gradita ho comprato uno Zeiss Planar T* 50 f1.7 ma con mio grandissimo disappunto... una volta montato sulla FX3 interferisce con lo specchio, rendendo impossibile lo scatto >:/
    Qualcuno mi sa indicare quali siano gli innesti C/Y compatibili e quali no, alias quali obiettivi posso e non posso usare con questa macchinetta peraltro spettacolare? Thanks

    RispondiElimina
  7. potrebbe essere scivolato lo specchio lungo il suo supporto per via del calore. Se è il tuo caso, basta scaldare con phon, riposizionare più in alto lo specchio, e lasciare raffreddare

    RispondiElimina
  8. Confermo quanto detto da Mario, e' successo anche a me, ma il phon risolve tutto, ciao.

    RispondiElimina
  9. l'avvento del digitale affossa queste meraviglie della tecnica jap ed è un peccato che si estinguano laboratori, pellicole, spero di poterla usare ancora per un bel pò

    RispondiElimina
  10. l'avvento del digitale affossa queste meraviglie della tecnica jap ed è un peccato che si estinguano laboratori, pellicole, spero di poterla usare ancora per un bel pò

    RispondiElimina
  11. Io ne possiedo una, praticamente nuova, ereditata da mio zio purtroppo scomparso.
    Sto riscoprendo il fascino della fotografia ed ho quasi abbandonato la digitale Nikon 3100 d!

    RispondiElimina
  12. Io ne possiedo una, praticamente nuova, ereditata da mio zio purtroppo scomparso.
    Sto riscoprendo il fascino della fotografia ed ho quasi abbandonato la digitale Nikon 3100 d!

    RispondiElimina
  13. I have one good one and I am selling it. If anybody wants it do contact me and I will get it for you. (dannymalkins@protonmail.com )

    RispondiElimina