Visualizzazioni totali

mercoledì 5 settembre 2012

OLYMPUS OM-101 POWER FOCUS (1988)

Olympus è uno dei marchi eccellenti della fotografia e, da sempre, il principale fautore del concetto di compattezza applicata alla fotografia. Questa filosofia ha prodotto una lunga serie di fotocamere divenute veri oggetti di culto: dalle mitiche reflex della serie OM alle compatte Trip e Pen degli anni '60 alle 35SP, RC, ECR, ED degli anni '70; dalla ultracompatta XA degli anni '80 alle Miù degli anni '90 per continuare con le odierne Miù e Pen e OM-D digitali.
 
All'inizio degli anni '70 Olympus avviò il processo di miniaturizzazione delle reflex con la gloriosa "OM-1" e,  forte di un ampio parco di ottiche Zuiko di straordinaria qualità, il "Sistema OM" di Olympus fu per ben 20 anni un punto di riferimento per tutta la concorrenza, fino alla "OM-101" del 1988 che rappresentò l'ultima tappa di sviluppo di questo strepitoso sistema fotografico.
 
Rispetto ai modelli precedenti, il corpo macchina della OLYMPUS OM-101 risultava completamente rivoluzionato nelle forme, grazie all'impiego del leggero e resistente policarbonato.
L'avanzamento/riavvolgmento della pellicola era completamente motorizzato e l'elettronica regnava sovrana, seppur con numerose opzioni manuali e l'accessorio "manual adaptor 2" in grado di trasformare la fotocamera in un modello completamente manuale.   
 
La OM-101 era compatibile con tutte le ottiche manual focus del sistema OM ma anche con le ottiche Auto-Focus, oltre a quelle ad essa specificamente dedicate.
La vera particolarità di queso modello era, tuttavia, il sistema di messa a fuoco "Power Focus" che, pur essendo manuale e comandato dall'utente, era però motorizzato e non del tipo classico.
 
Ancora oggi, a 25 anni dalla nascita, la OLYMPUS OM-101 conserva una dotazione tecnica di tutto rispetto:
- Obiettivo OLYMPUS AF con focale di 50mm e apertura diaframma da f/2 a f/22
- Otturatore a controllo elettronico con tempi di scatto da 2sec. a 1/2.000sec
- Esposimetro con lettura di tipo TTL e sensibilità ISO da 25-3.200
- Autoscatto
- Test batteria sonoro
- Slitta con contatto caldo per il flash
- Avanzamento/riavvolgimento pellicola motorizzato
- Paraluce incorporato nel barilotto ed estraibile all'occorrenza.
 
Oltre alla eccellente qualità fotografica, ciò che più si apprezza di questo modello è la facilità d'uso. La fotocamera sceglie automaticamente le impostazioni (tempi/diaframmi) migliori da utilizzare eall'utente non resta che concentrarsi sull'inquadratura e decidere il momento più opportuno per lo scatto.
 
Per coloro che avessero esigenza di una macchina completamente manuale e della possibilità di impostare a piacimento l'apertura diaframma e il tempo di scatto, Olympus ha realizzato un accessorio chiamato "Manual Adaptor 2" che si monta sulla fotocamera e consta di due distinte ghiere per la regolazione dei diaframmi e dei tempi di scatto.    
 
Per ulteriori info e per constatare la qualità delle foto ottenibili, vi invito a visitare i seguenti links:
http://camerapedia.wikia.com/wiki/Olympus_OM-101_/_OM-88
http://www.flickr.com/photos/mr_strong/sets/72157605048462436/

3 commenti:

  1. anch'io possiedo questa macchina fotografica.. è un cimelio di mio padre, ed ha più anni di me! sono riuscita a fare alcune foto con gli ultimi scatti del rullino risalente ad una decina di anni fa, e dopo aver aspettato un mese per farle sviluppare, finalmente le ho viste e sono fantastiche! essendo io figlia del 2000, non avevo mai provato le brezza di una fotocamera non digitale... bella bella bella!

    RispondiElimina
  2. ciao giulio... anche io ho questa macchina... ti volevo chiedere se per caso sapevi dove posso trovare l'"Manual Adaptor 2" di cui parlavi e un copriobbiettivo adatto a questa. grazie mille, ciaooo

    RispondiElimina
  3. Ne vendo una in ottime condizioni: http://www.ebay.it/itm/-/221961102361?roken=WNKzTJ

    RispondiElimina