Visualizzazioni totali

lunedì 7 novembre 2011

TARON RIVAL (1962)

Taron è un azienda giapponese molto nota negli anni '60 per le sue imponenti macchine a telemetro. Dopo la crisi degli anni '70, al pari di tanti altri marchi storici come Miranda, Petri e Kowa, anche Taron scomparve dalle scene. Tuttavia i suoi prodotti godono ancora oggi di una fama inossidabile tra gli appassionati di fotografia e sono ricercatissimi dai collezionisti più competenti.

La Rival è meglio nota agli appassionati col nome Taron "Marquis" con cui veniva commercializzata sul mercato giapponese, mentre nel resto del mondo veniva venduta col nome di "Rival".

Secondo il Japanese Camera Museum questa macchina fu il primo modello al mondo in assoluto ad equipaggiare un esposimetro CDS in luogo dei tradizionali cellula al selenio. Dunque, un primato assoluto anteriore anche alle più sofisticate e costose macchine reflex!!!

A parte l'esposimetro, questo modello vanta anche una serie di altri pregi che lo contraddistinguono: anzitutto un solido e pesante corpo interamente in metallo (pesa come una reflex); un accurato telemetro per la messa a fuoco dell'immagine e una lente "veloce" (f/1.8) come le migliori reflex.

Eccetto pochissimi modelli come le mitiche Yashica Lynx, ben poche altre macchine porevano vantare tanta grazia:
- Rinomata lente Taron (denominata Rivar anzichè Taronar) con focale di 45mm
- diaframma con aperture da f/1.8 a f/16
- Otturatore lamellare centrale Citizen MVL con 10 tempi di scatto (da 1sec. a 1/500 sec.) più la posa B.
- Telemetro per una messa a fuoco impeccabile
- Esposimetro con cellula CDS
- Autoscatto
 Al dilà di tutto, ciò che va tenuto più in conto è la completa manualità di questo modello. Tutte le regolazioni sono del tipo manuale e anche in assenza dell'esposimetro (o della pila) la macchina può funzionare perfettamente e non è minimamente dipendente dall'elettronica... giudicate voi!

Nessun commento:

Posta un commento