Visualizzazioni totali

giovedì 3 novembre 2011

KODAK INSTAMATIC 233-X (1971)

La linea Instamatic fu lanciata da Kodak all'inizio degli anni '60 come alternativa alle classiche 35mm. L'intento era di realizzare delle fotocamere ultracompatte e con una pellicola già pronta all'uso, senza necessità di caricamento e riavvolgimento della pellicola che poteva porre problemi agli utenti meno esperti.
Questo geniale sistema basato su pellicola 35mm pre-caricata fu adottato da quasi tutti i fabbricanti di fotocamere, con una vastissima produzione di modelli (anche reflex) continuata fino agli anni '80.
Prodotta per un brevissimo periodo (1970-71) la "Instamatic 233-X" rappresenta uno dei modelli più rari della serie Instamatic.
Come per la maggior parte dei modelli Instamatic, si trattava di un prodotto dedicato ai giovani e fotografi alle prime armi, ma realizzato con cura e di buona qualità costruttiva.
Le impostazioni della macchina erano abbastanza semplificate ma la lente era di qualità superiore a quella dei modelli più economici, l'apertura diaframma e il tempo di scatto (1/40sec. e 1/80sec.) erano variabili in basxe alle condizioni di luce (Soleggiato, Nuvoloso/Flash).
Come in tutte le Istamatic di nuova generazione, anche questo modello era predisposto per l'utilizzo dei flash a cubo, più pratici ed economici dei classici modelli a lampadina singola. Inoltre, nel mirino era presente un segnale che avvertiva l'utente quando i flash erano esauriti.
 Questa fotocamera realizza foto di formato quadrato con fotogrammi di dimensioni 28x28mm in luogo del classico 24x36mm. 
Queste le sue caratteristiche principali:
- Obiettivo con lente "Reomar" con focale di 41mm
- Diaframma con apertura fissa max a f/6.6
- Otturatore centrale con tempi di scatto di 1/40 sec. e 1/80 sec.
- Mirino ottico di tipo galileiano con indicazione di flash esaurito
- Predisposizione per l'uso dei flash a cubo
Una caratteristica peculiare delle fotocamere Instamatic e delle loro lenti è la marcata vignattatura dei bordi immagine e la resa dei colori particolarmente saturi, che negli ultimi anni hanno attirato una attenzione crescente da parte di artisti dell'immagine e fotografi appassionati di LOMOGRAFIA, come alternativa "audace" e più economica alle macchine LOMO tradizionali.
Addirittura c'è chi spiega come riutilizzare le cartucce 126 instamatic caricandole con la comune pellicola 35mm:
http://kodak.3106.net/index.php?p=509
http://www.youtube.com/watch?v=vuhM7McQOpc
Infine, per ulteriori info ed esempi di foto scattate con questo modello, visitate i seguenti link:
http://www.flickr.com/photos/miou_vicioso/sets/72157625511387879/
 

10 commenti:

  1. Ciao Giulio, ho trovato dai alcuni venditori dell'est europa una instamatic 233 e su ebay una pellicola 126. Guardando un po' la macchina ho notato che dal vano laterale esce una batteria a forma di parallelepipedo... pensi sia fondamentale per il funzionamento? o serve solo per il flash? Un caro saluto e davvero complimenti per il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi, grazie per i tuoi gentili apprezzamenti.
      Acquista pure con serenità la INSTAMATIC 233, la batteria serve solo per alimentare il flash e non c sono esposimetro o altri congegni elettroici che ne necessitano.

      Elimina
    2. già presa ;) ho preso anche i flash cube e indovina un po': la batteria funziona! pensi se ne trovino altre?? comunque appena finisco il rullino te le mando :) siccome sono agli inizi, mi mandi qualcosa dove posso apprendere come funzionano esposimetri, iso, asa etc etc? saluti ancora e grazie!

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ciao. Ho comprato una Kodak Instamatic 133-x molto simile alla 233-x. Dentro c'era la sua cassetta 126 con alcune foto. Ho continuato a usare il rullino fino a quando è finito, ma adesso non so dove farlo sviluppare. Mi potresti dare qualche indicazione su laboratori che effettuano questo tipo di sviluppo? Ho girato tutti i negozi ma nessuno lo fa. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pellicola che è nel caricatore della tua Instamatic è del tutto identica al comune 35mm per cui chiunque effettua lo sviluppo e stampa a colori del 35mm può farlo senza problemi.
      ATTENZIONE: NON LASCARE CHE DANNEGGINO IL CARICATORE (OGGETTO RARO E PREZIOSO). PUO ESSERE APERTO E RICHIUSO CON UNA NUOVA PELLICOLA 35MM E IL GIOCO E' FATTO... AVRAI UNA SPLENDIDA LOMO FORMATO QUADRATO PER IL 35MM.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ciao Giulio, complimenti per il blog!
    Ho di recente comprato una 233 germany (senza x) su una bancarella ma la macchina non scatta!
    Così ho controllato delle foto su internet e mi sono accorto che manca la levetta per mandare avanti la pellicola. Praticamente la mia ha la rotellina dentata... però su internet ci sono foto di 233 senza la levetta, come la mia! Quindi ho pensato che possono essere cambiamenti di meccanismo dipendenti magari all'anno di produzione... ma comunque non scatta. Puoi aiutarmi? Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a guardare nel vano pellicola se vedi una linguetta metallica. se c'è spostala col dito e poi prova a scattare.
      Normalmente è il trascinamento della pellicola che la muove e carica l'otturatore ma quando la pellicola non è presente devi spostarla tu col dito, aprendo in vano pellicola.

      Elimina
  6. Salve, mio suocero ha ancora la sua kodak instamatic 233, vorrebbe venderla ad un mercatino dell'usato, ma non saprebbe a quanto,ne avresti un'idea?

    RispondiElimina