Visualizzazioni totali

sabato 5 novembre 2011

KODAK 66 MODEL II (1958)

Sul finire degli anni '50 le soffietto medio formato dal sapore antico stavano cedendo il passo alle più moderne 35mm a corpo rigido. 
Sebbene la loro qualità e la dimensione dei fotogrammi fossero di gran lunga superiori, l'esigenza dei produttori era, però, di "indirizzare" il mercato amatoriale verso modelli meno complessi e più economici da fabbricare.
In questo contesto la Kodak 66 venduta sul finire degli anni 50 (per soli due anni dal 1958 al 1960) rappresenta una scelta contro-corrente e anche uno degli ultimi modelli di macchine a soffietto prodotte. 
La Kodak 66 ha un particolare significato storico per una serie di motivi.
Anzitutto si tratta di un modello prodotto e venduto per il solo mercato Inglese: difficilmente vi sarà capitato o vi capiterà di vederne un'altra in Italia.
Poi si tratta dell'ultimo modello a soffietto prodotto da Kodak. 
Inoltre, si tratta di una delle pochissime fotocamere Kodak ad utilizzare pellicole di formato 120 (ancora oggi reperibili in commercio senza alcun problema), laddove quasi tutte le Kodak dell'epoca impiegavano pellicole di formato 620, tanto caro a Kodak. 
Infine, si tratta di uno dei pochi modelli Kodak a soffietto che realizzano foto di formato quadrato.
Un altra curiosità riguarda il fatto che di questa macchina furono realizzate due versioni: la "Model II" e la "Model III" ma non è mai stata prodotta la "Model I"... strano no? 
Queste le sue principali caratteristiche tecniche:
- Obiettivo con lente Kodak "Anaston" con focale di 75mm
- Diaframma a iride fra i due gruppi ottici dell’obiettivo con aperture da  f/6.3 a f/22
Otturatore centrale lamellare "Pronto" prodotto dalla Alfred Gauthier con tempi di scatto da 1/25sec. a 1/200 sec. più la posa B
- Inquadratura con mirino galileiano
- Messa a fuoco su scala metrica mediante rotazione della ghiera dell’obiettivo
- Contatto di sincronizzazione e slitta per flash esterno
- Possibilità di comando a distanza dell'otturatore mediante cavetto flessibile
- Predisposizione per filtri diametro 32mm
Come già anticipato, ciò che è più importante, la Kodak 66 utilizza pellicole formato 120 e produce fotogrammi di formato quadrato  6x6cm... di dimensioni ben superiori a quelle di una normale 35mm e dunque adatti anche per stampe di grandi dimensioni senza perdita di qualità.
Inoltre, grazie alla ampia disponibilità di queste pellicole, sia a colori che per il bianco e nero, non solo si tratta di una macchina bella da esporre per il suo aspetto "antico",  ma anche di un' ottima scelta per chi voglia cimentarsi per la prima volta con la fotografia di "Medio Formato".
Per ulteriori informazioni visitate:
http://www.3106.net/photo/cam1070.htm


Nessun commento:

Posta un commento