Visualizzazioni totali

giovedì 3 novembre 2011

COSINA C1 (2003)

Il marchio giapponese Cosina è poco noto ai neofiti e ai fotografi dell'era digitale, eppure si tratta di un vero e proprio colosso dell'industria fotografica che nel corso degli anni ha rilevato marchi gloriosi della fotografia come Voigtlander, Argus, Petri, Topcon e Miranda. 
Oltre a produrre e commercializzare reflex con i marchi anzidetti, Cosina ha realizzato anche fotocamere con marchio proprio, che godono di una solida reputazione tra gli appassionati di fotografia analogica e non hanno nulla da invidiare ai nomi più blasonati come Canon, Pentax, Olympus, ecc. 
La Cosina C1 è uno dei pochi esempi di fotocamere interamente meccaniche e a controllo manuale prodotte ai giorni nostri. In un'epoca dominata dall'elettronica, dall'autofocus, da sistemi esposimetrici sempre più complessi e da motori elettrici che controllano l'avanzamento/riavvolgimento pellicola e la messa a fuoco un modello del genere o si ama o si odia.
Tutti i fotografi puristi, amanti delle venerabili Pentax K1000 e Nikon F, non possono non apprezzare la scelta di Cosina, di continuare a produrre un modello completamente indipendente dall'elettronica e dall'uso di batterie.
La presenza di un otturatre con tendine in metallo e l'impiego della mitica baionetta "Pentax K" sono scelte di pregio e che rendono questo modello compatibile con una miriade di ottiche "manual focus" fino a quelle di metà anni '70!
D'altro canto, non si è voluto rinunciare del tutto ai vantaggi della modernità: così è stato realizzato un corpo macchina in policarbonato di forma ergonomica e dalle dimensioni straordinariamente compatte. Il tempo di scatto dell'otturatore meccanico raggiunge la notevole velocità di 1/2.000sec. e può sincronizzarsi con i flash elettronici a 1/125sec.
Ecco, in sintesi, la dotazione tecnica:
- Obiettivo con lente zoom "Cosina MC Macro" con focale 35-70mm e trattamento antigraffio multistrato
- Diaframma a iride con aperture da f/3.5 a f/22
- Otturatore meccanico sul piano focale, con tendine in metallo e tempi di scatto da 1sec. a 1/2.000sec più la posa B
- Esposimetro CDS con lettura di tipo TTL con sensibilità ISO 25-3200
- Slitta flash con contatto caldo
- Baionetta di tipo Pentax K che rende la macchina compatibile con una miriade di
  lenti (dalle eccellenti Cosina alle Ricoh,Pentax a quelle di terze parti) per ogni tasca.
Tengo a precisare ancora una volta che, grazie alla sua meccanica completamente manuale, la COSINA C1 è in grado di funzionare perfettamente anche in assenza di batteria. Solo l'esposimetro richiede due comunissima pile alkaline LR44 (reperibili a meno di 1 euro ciascuna).

Questa macchina è di uso semplice ed intuitivo, dunque un ottima scelta sia per lo studente di fotografia che per chi voglia avvicinarsi per la prima volta al mondo della fotografia reflex di qualità senza dissanguarsi con una Nikon. La sua completa manualità la rende adatta anche per l'amatore esperto, che necessita di un controllo totale di tutte le impostazioni di scatto.
 
 

Nessun commento:

Posta un commento