Visualizzazioni totali

lunedì 7 novembre 2011

BOOTS (TARON) AMICA (1966)

Nei principali paesi europei (Germania, Inghilterra) le grandi catene specializzate in articoli fotografici sono un fenomeno consolidato da decenni mentre in Italia la grande distribuzione ha preso piede in tempi relativamente recenti, per lo più nel campo dell'elettronica (Trony, Expert, Euronics).
La catena inglese BOOTS ha da sempre offerto alla sua clientela ottimi prodotti fotografici, commissionati di volta in volta a costruttori terzi e venduti col marchio proprio. Uno dei migliori prodotti commercializzati da questa compagnia è frutto della collaborazione con la giapponese TARON, famosa per le sue pregevoli macchine a telemetro di tipo completamente manuale.
La "BootsAmica" degli inglesi è meglio nota nel resto del mondo col nome di "Taron Auto EE" mentre veniva commercializzata sul mercato USA col nome "Amica Eyelux".
Questa splendida telemetro, interamente realizzata in metallo, è solida come una roccia ma è anche dotata di una linea moderna e piacevole ancora oggi, dopo quasi mezzo secolo!
Ma, al di là dell'estetica, questa macchina aveva anche tutte le caratteristiche tecniche per competere con la migliore concorrenza dell'epoca: lente luminosa f/1.8, scatto fino a 1/500sec. esposimetro di concezione moderna con cellula CDS e telemetro.
Infine, la macchina poteva funzionare anche in modalità semi-automatica a priorità di tempi oltre che in modalità completamente manuale.
A parte pochissimi modelli come le mitiche Yashica Lynx, ben poche altre macchine porevano vantare tanta grazia:
- Rinomata lente Taron "Amicor" con focale di 45mm
- diaframma con aperture da f/1.8 a f/16
- Otturatore centrale lamellare Citizen MVE con 10 tempi di scatto (da 1sec. a 1/500 sec.) più la posa B.
- Telemetro per una messa a fuoco impeccabile
- Esposimetro con cellula CDS
- Autoscatto
Al dilà di tutto, ciò che va tenuto più in conto è la completa manualità di questo modello. Tutte le regolazioni sono del tipo manuale e anche in assenza dell'esposimetro (o della pila) la macchina può funzionare perfettamente e non è minimamente dipendente dall'elettronica... giudicate voi!
 

Nessun commento:

Posta un commento