Visualizzazioni totali

giovedì 3 novembre 2011

BENCINI COMET II (1951)

Il marchio Bencini vanta origini antiche. Fondata a Milano nel 1937 col nome "ICAF", l'azienda cambiò per un breve periodo la sua denominazione in "CMF" per poi assumere, nel dopoguerra,  il nome definitivo "CMF Bencini".
Questa azienda ha realizzato una ampia gamma di fotocamere, dalle soffietto alle box, ma i modelli più originali e interessanti sono sicuramente quelli prodotti a cavallo tra gli anni '50 e '60, caratterizzati da un corpo interamente in lega di alluminio pressofuso e uno stile elegante e inconfondibile!

La "Comet II " è sicuramente il modello più originale e ricercato dagli estimatori delle Bencini Comet.
La formula resta quella ben collaudata e cara al costruttore milanese: massima semplicità costruttiva, affidabilità e "fascino cromato" grazie al corpo in lega di alluminio.
Tuttavia, questo modello è dotato di lente telescopica, che va estratta dal corpo macchina e ruotata leggermente prima di poter scattare. Questo particolare, oltre a compattare ulteriormente le dimensioni già contenute, conferisce un ulteriore tocco di eleganza a questo piccolo esempio di "Italian Style" ormai famoso nel mondo.
Sotto il piano tecnico, la Comet II è improntata alla massima semplicità, con tempo di scatto singolo (1/50sec.) e posa B e due aperture diaframma (f/9 e f/16).  L'obiettivo è dotato di capacità di messa a fuoco già da 1m. e la lente dispone anche di una filettatura per equipaggiarvi filtri, paraluce o un tappo obiettivo in metallo. 
Questa macchina realizza 16 fotogrammi di dimensioni 3x4cm su pellicola in rulli formato 127. Quanto alla possibilità tali pellicole, tengo a precisare che alcune case (Efke e Maco) PRODUCONO ANCORA le pellicole formato 127.
Volendo è possibile anche impiegare le normali pellicole 35mm, come spiegato dall' ottimo Giuseppe Di Cillo nel suo blog:
http://dicillo.blogspot.com/2007/09/35-mm-in-127-camera-tutorial.html
In qusto caso otterrete un notevole risparmio economico ed, inoltre, le foto presenteranno il singolare effetto artistico dei fori di trascinamento della pellicola nella parte superiore e inferiore.
Per ulteriori info, visitate i seguenti link:
http://dicillo.blogspot.com/2007/09/bencini-comet-ii-review.html
 
 
 
 

2 commenti:

  1. Buongiorno, ho appena ritrovato in un cassetto questa COMET II (C.M.F., Film 127, Bencini Milano). Ignoro completamente il mondo della fotografia vintage.. Potrebbe valere qualcosa?

    RispondiElimina